logo

La Storia

Il Mondovì fu il primo rifugio della sezione CAI Mondovì, costruito dai monregalesi su terreno donato dal comune di Roccaforte ed inaugurato nel lontano 7 luglio 1929.
Lo stesso nome “Mondovì” non fu casuale ma significò l’omaggio alla nostra città, al battaglione alpini del 1° reggimento, agli enti e ai tanti volontari monregalesi che contribuirono alla sua costruzione.

Il rifugio fu progettato dall’ing. Vincenzo Volpi su commissione del CAI, sotto la presidenza del Cavalier dott. Mario Lobetti-Bodoni che sposò il pensiero dell’Ingegner Emilio Cordero di Montezemolo, primo promotore della costruzione del rifugio.

Storia02
Storia05
Storia07
Storia08
Storia10

Questa struttura, gestita da Giovanni Boffredo di Baracco insieme alla moglie Bettina, divenne subito meta di alpinisti piemontesi e liguri tanto che fu necessario provvedere ad un primo ampliamento negli anni 1931-34 sotto la presidenza di Bernardino Mongardi.

Da allora le vicende della sezione CAI di Mondovì furono sempre più legate al suo rifugio in alta valle Ellero che al nome di Mondovì vide aggiungere quello di Havis De Giorgio eroicamente morto in Africa nel 1939, a cui fu anche dedicata la vetta che sovrasta il rifugio.

Quando in seguito agli eventi bellici l’edificio andò parzialmente distrutto, la grande caparbietà di Sandro Comino, il padre dell’alpinismo monregalese, ne ripropose la ricostruzione nel 1945.

Ulteriori ammodernamenti sono stati successivamente apportati negli anni ’80 e ’90 sotto le presidenze del compianto Mario Mongardi e dell’Ing. Giuseppe Fulcheri.

.

Oggi, la nostra sezione, dopo aver superato molte difficoltà per la ricostruzione del Rifugio Garelli, distrutto da un incendio nella notte tra il 13 e il 14 novembre 1987 e rimesso in piedi più bello e più grande , ha di nuovo intrapreso quest’opera di ristrutturazione e ampliamento del Rifugio Havis De Giorgio – Mondovì.

Un impegno notevole, che ha visto in primo piano tutta la sezione ad affrontare un progetto ardito e tecnicamente all’avanguardia.

Una realizzazione che il CAI di Mondovì ha potuto affrontare grazie alla solidarietà ed alla generosità della Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo, che sempre ha risposto alle sollecitazioni ed alle istanze del nostro sodalizio ed alla Regione Piemonte che ha promosso e finanziato il nostro ed altri interventi di valorizzazione del territorio montano.

Ora, grazie alle sinergie di questi due enti, tutta l’area di competenza sezionale, ma soprattutto le Alpi di Mondovì, potranno potenziare la propria offerta turistica per gli sport alpinistici e per le attività naturalistiche rivolte ad un’utenza sempre più proiettata verso la montagna e l’ambiente naturale.

Con i rifugi alpini Mondovì e Garelli, il territorio delle valli Ellero e Pesio si colloca tra quelli che possono offrire splendidi soggiorni in quota dove non solo le bellezze di un ambiente tutelato fanno la differenza,ma anche le strutture per il soggiorno presentano una tipologia ricettiva di prim’ordine.

Il nuovo Havis De Giorgio - Mondovì, accessibile a tutti, è anche un valido punto di appoggio per le attività speleologiche e per gli studiosi dell’ambiente carsico.

Meteo

Le previsioni meteo da NIMBUS

Facebook

facebook
Seguici anche su Facebook!

 

 

Per motivi di approvvigionamento acqua il Rifugio è chiuso.

Grazie a tutti per fiducia e la simpatia! Arrivederci alla prossima stagione!

 

logocaiLogo Ospitalita Italianatrip2017

Questo sito usa alcuni tipi di cookie, continuando sul sito o chiudendo questo banner ne accetti l'utilizzo